"Su granelli dorati affondano i talloni, fieri, gocce di sale sfiorano i ruvidi volti, seri, le braccia tese al cielo rivolte, le sopracciglia inarcate e disinvolte, mentre le onde impetuose risvegliano il sorriso, vola il kite a raggiungere il paradiso!"
‹ torna ai consigli di viaggio
Tra ghiacci e aurore boreali. Langjokull Glacier (Iceland).

Plasmata dall'energia del globo, ricca dell'energia di una capitale cosmopolita, circondata dalla pura e incontaminata energia della natura, Reykjavík è una città di forti contrasti. Graziose abitazioni rivestite di lamiera ondulata coesistono a fianco di futuristiche costruzioni in vetro; attrezzature ultramoderne si trovano a due passi dal terreno vulcanico primordiale; e le influenze internazionali si mescolano alle tradizioni popolari islandesi sì da creare una cultura unica, dove l'antichità si unisce alla modernità.


 
Reykjavík ha qualcosa da offrire a chiunque voglia soddisfare i propri interessi. Sia che cerchiate l'energia prorompente di una città di livello mondiale, o l'energia fragorosa delle fonti geotermali nel terreno sotto i vostri piedi, o la quieta e verde energia del paesaggio che circonda la città, Reykjavík vi riserva una visita memorabile.Un modo per immergersi nell'energia pura di Reykjavík è quello di visitare una delle sue numerose terme, dove potrete nuotare nelle piscine riscaldate, rilassarvi in una sorgente termale o praticare una sauna di vapore geotermico — e alla fine vi sentirete risollevati e pronti all'azione. Andare alle terme è una delle passioni degli abitanti di Reykjavík, e per il visitatore è un'occasione da non perdere per incontrare i residenti. Nelle sorgenti termali si trattano temi di politica, si discute del tempo e della vita di tutti i giorni.Reykjavik è senza dubbio la città più importante dell'Islanda, a livello economico, culturale e turistico. Bagnata dall'Oceano Atlantico, fondata nell'anno 874 e costituita perlopiù da fattorie fino al XVIII secolo, ha iniziato a incontrare un concreto sviluppo urbano a partire dal 1750. Oggi è un luogo stratificato e ricco di suggestioni artistiche. I biglietti aerei per Reykjavik sono acquistati soprattutto da chi ama l'atmosfera di luoghi molto meno inospitali di quanto forse si potrebbe pensare. La città ospita tanti musei di primario interesse, in cui è possibile ritrovare tutta la storia e le tradizioni del popolo islandese. Si possono ad esempio segnalare la Galleria nazionale Listasafn e il Museo all'aperto Árbæjarsafn; molti sono anche i musei dedicati specificatamente alle opere dei maggiori pittori e scultori islandesi, con l'esposizione delle loro opere. Notevoli sono anche le strutture architettoniche: tra tutte spicca la Hallgrímskirkja, una chiesa posta in cima a una collina che sovrasta il centro cittadino. Reykjavik è ben lontana dallo stereotipo che dipinge la Scandinavia come una terra riflessiva e fin troppo silenziosa. In centro si trovano infatti un centinaio tra bar e discoteche, animate da una ricca vita notturna che prosegue fino all'alba, soprattutto durante i fine settimana.Cucina tipica di ReykjavikIl piatto nazionale islandese è il þorramatur, un insieme di cibi che comprende frattaglie, teste di pecora, salsiccia di fegato e pesce secco. Chi non ha paura di sperimentare può provare altri cibi usuali sulle tavole islandesi come lo squalo putrefatto e i testicoli di montone. Nonostante la vicinanza al Circolo Polare Artico il clima islandese non è particolarmente gelido. D'inverno infatti quasi mai le temperature scendono sotto i -15 gradi. La stagione più indicata per un viaggio è comunque l'estate, con temperature medie tra i 10 e i 15 gradi. I voli low cost per Reykjavik in passato giungevano all'aeroporto cittadino, oggi però utilizzato soprattutto per le tratte nazionali. Attualmente i voli per Reykjavik provenienti dal resto d'Europa atterrano all'aeroporto di Keflavik, a 50 chilometri di distanza. Da lì partono i pullman Flybus, che raggiungono il centro città in 45 minuti. Pochi sono comunque i voli che dall'Italia giungono direttamente in Islanda; più semplice è effettuare uno scalo intermedio, ad esempio a Londra. Reykjavik può essere comodamente visitata a piedi o in bicicletta; in alternativa esiste una rete di autobus urbani. È consigliabile l'acquisto della Reykjavik Card, con durata dalle 24 alle 72 ore (al costo rispettivamente di 3.300 e 4.900 ISK, ovvero circa 21 e 32 euro), che consente viaggi illimitati sui mezzi e ingresso gratuito nei musei.Il turismo islandese offre insolite prospettive con uno dei maggiori ghiacciai d’Europa, il Langjökull. Scavato a mano per 550 metri un tunnel artificiale porta i visitatori in profondità sotto la calotta di ghiaccio. Qui sono state ricavate alcune stanze anche 30 metri sotto la superficie. Ponti e passerelle sono stati creati per consentire ai visitatori di attraversare le crepe profonde che formano grotte naturali di ghiaccio. Per la guida turistica il progetto è a basso impatto ambientale. LED a bassa intensità illuminano le pareti del tunnel, che mostra gli strati di ghiaccio. Il visitatore puo’ vedere come la crosta esterna della neve venga compattata nei decenni. Secondo il geologo Ari Trausti Gudmundsson tutti i ghiacci sono a rischio fusione e il Langjökull, che significa “long glacier” in islandese, potrebbe fondere in 150 anni. Il sito dista due ore di automobile da Reykjavik e attrae sempre molto pubblico. Le visite potrebbero pero’ avere delle restrizioni in futuro per ridurre l’impatto. Il costo della visita del resto è superiore ai 120 euro a persona.Ghiacciaio Langjökull (il ghiacciaio lungo) è il secondo più grande ghiacciaio in Islanda, situato nella highland sulla parte sud-occidentale del paese, solo circa 30 minuti in auto dall'islandese un'altra evidenziare, Gullfoss (cascata d'oro). Una gita al ghiacciaio può essere facilmente inserita nel tour di giorno circolo d'oro. Un viaggio misterioso nella lunga notte polare buia, dall’autunno alla primavera, che prova a scoprire una delle manifestazioni piu’ spettacolari della natura: l'aurora boreale. Lontano dal bagliore della città, si va a caccia dell’aurora boreale: in una notte limpida, si può avere la fortuna di vedere il vortice luminoso dell'aurora boreale, una danza selvaggia e spensierata nel cielo in forme, colori, modelli e dimensioni cangianti. L'aurora boreale è visibile da settembre ad aprile, ma può essere visto solo in una notte serena. 
 
Ma veniamo a noi amici kiters! A langjokull glacier si surfa su piana di ghiaccio e neve!
 
Ecco lo snowkiting centre del luogo:
 
https://www.facebook.com/snowkiter
 
Come arrivare?
 
La compagnia low cost Wow Air vola regolarmente verso Reykjavik dallo scalo di Londra.
 
https://wowair.it/
 
Langjokull glacier dista circa 120 km da Reykjavik.
 
Dove dormire?
 
Vi segnalo questo sito per un'esperienza indimenticabile.
 
http://firstclass.is/italian/activity-options-in-iceland/snowmobile-tours/
 
Created by GIGA Studio