"Su granelli dorati affondano i talloni, fieri, gocce di sale sfiorano i ruvidi volti, seri, le braccia tese al cielo rivolte, le sopracciglia inarcate e disinvolte, mentre le onde impetuose risvegliano il sorriso, vola il kite a raggiungere il paradiso!"
KITECAMP  ›  DESTINAZIONI DI VIAGGIO  ›  Africa
I nostri Consigli di Viaggio in Africa

Il Mediterraneo tra kitesurf e relax! Djerba (Tunisia).

L’isola di Djerba si trova nel Golfo di Gabes, nel sud-est della Tunisia, ed è una delle principali mete turistiche del Paese con Tabarka, Monastir, Hammamet e Port El Kantaoui.E’ completamente pianeggante e ricoperta di sabbia, ma allo stesso tempo rigogliosa, grazie agli acquedotti che portano acqua dalla terraferma, alla quale è collegata tramite un ponte costruito dagli antichi Romani.


Il reef incontaminato incornicia le onde da surfare! Berenice (Egitto).

Misteriosa e affascinante, Berenice offre un paesaggio punteggiato di palme e mangrovie e il deserto annuncia l’arrivo della savana. Port Berenice da’ il nome a questa selvaggia località al cui interno vi è l’isola di Zabargard con la piccola Rocky Island.


La perla africana con impronta occidentale. Diani Beach (Kenya).

Diani Beach è uno dei più importanti centri turistici del Kenya e si trova sulla Costa Sud a 25 km da Mombasa. Scendendo lungo la strada C 106 che porta in Tanzania, si arriva alla cittadina di Ukunda, da qui, imboccando la bretella a sinistra che conduce al mare, si raggiunge in circa due chilometri e mezzo la Diani Road, lungo la quale si sviluppa Diani Beach.


Quando lo spazio per surfare non mai troppo! Diego Suarez (Madagascar).

Non troppo lontana dalle più famose Nosy Be e Nosy Mitsio, Antsiranana, detta Diego Suarez, è meta ogni anno di migliaia di turisti che amano la natura e i grandi spazi. Antico distaccamento francese, dall’architettura coloniale, sorge su una splendida baia di 156 km, seconda solo a quella di Rio de Janeiro.


Uno smeraldo in mezzo al mare. Le Morne Brabant (Mauritius).

Le Morne Brabant è una penisola composta da un blocco di roccia basaltica che si eleva 556 metri sul livello del mare, la cui sommità copre un’area di oltre 12 ettari, con numerose grotte sulle ripe rocciose, con uno degli ultimi tre rifugi delle più rare piante al mondo, le Hibiscus fragilis.
 



KITECAMP  ›  CONSIGLI DI VIAGGIO  ›  Africa
I nostri Consigli di Viaggio in Africa

Il Mediterraneo tra kitesurf e relax! Djerba (Tunisia).

L’isola di Djerba si trova nel Golfo di Gabes, nel sud-est della Tunisia, ed è una delle principali mete turistiche del Paese con Tabarka, Monastir, Hammamet e Port El Kantaoui.E’ completamente pianeggante e ricoperta di sabbia, ma allo stesso tempo rigogliosa, grazie agli acquedotti che portano acqua dalla terraferma, alla quale è collegata tramite un ponte costruito dagli antichi Romani.


Il reef incontaminato incornicia le onde da surfare! Berenice (Egitto).

Misteriosa e affascinante, Berenice offre un paesaggio punteggiato di palme e mangrovie e il deserto annuncia l’arrivo della savana. Port Berenice da’ il nome a questa selvaggia località al cui interno vi è l’isola di Zabargard con la piccola Rocky Island.


La perla africana con impronta occidentale. Diani Beach (Kenya).

Diani Beach è uno dei più importanti centri turistici del Kenya e si trova sulla Costa Sud a 25 km da Mombasa. Scendendo lungo la strada C 106 che porta in Tanzania, si arriva alla cittadina di Ukunda, da qui, imboccando la bretella a sinistra che conduce al mare, si raggiunge in circa due chilometri e mezzo la Diani Road, lungo la quale si sviluppa Diani Beach.


Quando lo spazio per surfare non mai troppo! Diego Suarez (Madagascar).

Non troppo lontana dalle più famose Nosy Be e Nosy Mitsio, Antsiranana, detta Diego Suarez, è meta ogni anno di migliaia di turisti che amano la natura e i grandi spazi. Antico distaccamento francese, dall’architettura coloniale, sorge su una splendida baia di 156 km, seconda solo a quella di Rio de Janeiro.


Uno smeraldo in mezzo al mare. Le Morne Brabant (Mauritius).

Le Morne Brabant è una penisola composta da un blocco di roccia basaltica che si eleva 556 metri sul livello del mare, la cui sommità copre un’area di oltre 12 ettari, con numerose grotte sulle ripe rocciose, con uno degli ultimi tre rifugi delle più rare piante al mondo, le Hibiscus fragilis.
 



Created by GIGA Studio